L’Aalta Valle della Pusteria Alto Adige sud Tirolo

0 100
dMz / Pusteria

Alta valle della Pusteria Alto Adige

La Val Pusteria è, per ordine di grandezza, la terza maggior vallata dell’Alto Adige.

- Advertisement -

La Valle ha inizio, in territorio italiano, al confine con l’Austria, nei vicinanze della città di San Candido e prosegue verso ovest nei pressi di Bressanone e Fortezza, dove sbocca nella val d’Isarco. Il paesaggio si offre in un’alternanza di prati, pascoli e boschi di conifere, costellato da pittoreschi paesi e piccoli insediamenti urbani. La Val Pusteria, nella sua zona occidentale, è attraversata dal fiume Rienza, che scorre fino alla piana di Dobbiaco, e dal fiume Drava, nella parte orientale, che da Dobbiaco prosegue in direzione est, attraversando la Carinzia. Nella valle sboccano altre valli laterali, alcune di rilevante importanza, come ad esempio la Valle di Tures che, presso Campo di Tures, si dirama in altre tre valli, di cui la più importante è la Valle Aurina, una delle estremità più a nord del territorio nazionale italiano, arrivando a spingersi fino alle cime sempre innevate delle Alpi di Zillertal, del gruppo delle Vedrette di Ries e delle Dolomiti Venete.

A sud, la Valle di Sesto e la Valle di Landro conducono alle Dolomiti di Sesto con le famose Tre Cime di Lavaredo (poco inferiori ai m. 3000). La Val Badia, invece, con le sue diramazioni permette di raggiungere il fronte settentrionale delle Dolomiti, il Sasso della Croce e il Gruppo del Sella.

Turismo in Alta Pusteria Alto Adige sud Tirolo

hschmider / Pixabay

Gli hotel dell’Alta Pusteria e le valli limitrofe hanno una lunga tradizione turistica e offrono ai suoi visitatori paesaggi pittoreschi ed unici nelle loro caratteristiche e conformazioni, luogo ideale per una vacanza di riposo e relax. Anche nei periodi più intensamente frequentati dai turisti, la Valle riserva degli angoli di natura incontaminata che invitano l’escursionista a momenti di piacevole solitudine: magnifici laghetti alpini, antichi castelli, luoghi nascosti e isolati.

La Valle accoglie i propri visitatori con attrezzate strutture ricettive e moderni impianti di risalita e funivie che permettono l’accesso alle piste da sci al Plan de Corones (m. 2273), presso Brunico, al Monte Spico e al Monte Chiusetta. Le possibilità di effettuare escursioni sono vastissime: dalla passeggiata al terrazzo della Val Pusteria fino al Lastron dei Tre Scarperi, dalla salita al Rifugio Roma allo scenario roccioso del Monte Cavallo. Molti sono nell’Alta Pusteria i luoghi frequentati per il soggiorno, lo sci e l’alpinismo: Brunico, Dobbiaco, Monguelfo, San Candido e nelle valli collaterali Anterselva, Braies, Corvara in Badia, San Vigilio di Marebbe.

Il centro di Brunico (m. 838) è attraversato da vie ricche di negozi dalle caratteristiche insegne in ferro battuto e da case di tipo nordico, con finestre a sporto, coronate da timpani merlati. Nella frazione Teodone si consiglia una visita il Museo Provinciale degli Usi e Costumi, dove è possibile ammirare ricostruzioni di edifici rurali, tra cui malghe, fienili, mulini, segheria e fucina. La cittadina di Dobbiaco (m. 1256) si divide in due nuclei: Dobbiaco Vecchio, che si raccoglie attorno alla Parrocchiale barocca, vicino al castello del sec. XVI e Dobbiaco Nuovo.

La località di Braies è nota soprattutto per l’omonimo lago (m. 1495), dove poter effettuare una bellissima passeggiata lungo le sue sponde fra scenari naturali e grigie pareti rocciose che si rispecchiano nelle acque. Villabassa infine si trova al centro dell’Alta Pusteria, circondata da bellissimi boschi, luogo di cura in alta montagna.

0%

- Advertisement -

Commenti
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi